Trumeau. Milano, 1760 circa

Trumeau Milano 1760 circa
Arredi

Mobile a due corpi con piano scrittoio ribaltabile (trumeau)
Lombardia, terzo quarto del secolo XVIII
Legno di noce intagliato e impiallacciato con radica di noce; profilature e cornici applicate di legno ebanizzato

Misure:
cm 264 X 154 X 57
Stato di conservazione:
ottimo

Trumeau Milano. Particolari

Il mobile si compone di due corpi. Quello inferiore poggia su quattro alte gambe arcuate con finale a ricciolo ed è costituito da un piano scrittoio ribaltabile che sormonta un cassetto e ne contiene altri piccoli all’interno. Le parti laterali sono fortemente sagomate, quella frontale lo è in misura minore. Il corpo superiore, i cui fianchi proseguono la linea di quelli sottostanti, presenta anteriormente due ante che celano alcuni ripiani interni. Sulla cimasa, vigorosamente mistilinea, svettano tre elementi rocaille applicati.
Il mobile è quasi completamente ricoperto di radica di noce contrastata da profilature, cigli e cornicette di legno ebanizzato. Le chiavi e le serrature di ferro sono originali.
Si tratta di un caratteristico arredo lombardo prodotto intorno al sesto o settimo decennio del secolo XVIII.
Benché il mobile rientri, dal punto di vista del modello, nella tipologia che a Milano, già nel Settecento, viene definita trumò, risulta inconsueto per il contesto lombardo che il designer, evidentemente sensibile al gusto rococò, abbia optato per le gambe alte, i fianchi ammorbiditi e i fastigi rocaille.
L’abbinamento cromatico fra radica di noce ed ebanizzature, molto in voga in questa regione per quasi tutto il secolo XVIII, collega il trumeau al gusto tardobarocco e contribuisce a definirne inequivocabilmente la provenienza.
L’ottima qualità dei legni, la sorvegliata disposizione dell’impiallacciatura e il ricercato progetto architettonico dei volumi e delle sagomature inducono a circoscrivere l’area di esecuzione di questo mobile alla città di Milano, dove senza dubbio risiedeva la committenza più sensibile al diffondersi del gusto rococò e dove probabilmente gran parte dei mobili di alta qualità fu commissionata e prodotta.

Cover Photo: Giorgio Majno

Bibliografia:

C. Alberici, Il mobile lombardo, Milano 1969
E. Colle, Il mobile Rococò in Italia, Milano 2003

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.