Sette sedie laccate. Milano, 1820 circa

Arredi

Sette sedie laccate
Legno di noce intagliato, laccato in grigio verde e crema e parzialmente dorato
Milano, 1820 circa

Misurano: altezza cm 93 (cm 46 al sedile) x cm 49 larghezza x cm 50 profondità.
Stato di conservazione: qualche segno d’uso e lievi integrazioni nella lacca. La stoffa è moderna.

Si tratta di un modello di sedile tra quelli più in voga a Milano all’inizio dell’Ottocento; rappresenta una versione semplificata dei modelli che si evolsero sulla scia dell’opera di Giocondo Albertolli (1742-1839) considerato il “restauratore del buon gusto” cioè del gusto classico che vede a Milano una delle sedi principali della nascita del nuovo gusto neoclassico tra la fine del XVIII e i primi decenni del secolo XIX. I suoi insegnamenti si diffusero grazie ai suoi numerosi trattati portando alla nascita di una fervida corrente artistica in particolare nel milanese.

Le sedie in oggetto ben s’inseriscono in questo gusto: lo schienale incurvato trova il suo naturale proseguimento nelle gambe posteriori, quasi a descrivere un semicerchio; il raccordo con il sedile è tornito. Alla semplicità delle gambe posteriori, arcuate a sciabola, si contrappone la forma di quelle anteriori. Queste si dipartono dalla seduta tramite un capitello quadrangolare, proseguono in una strozzatura centrata da un anello e si sviluppano poi a tronco di cono, fortemente rastremato verso il basso, scanalato e terminante in un’oliva tornita.
Le seggiole sono sobriamente decorate con una laccatura grigio verde e crema, a incorniciare la seduta e lo schienale, e impreziosite da un profilo dorato leggermente rilevato. Altre lumeggiature dorate demarcano la linea e gli intagli delle gambe.

Proprio la raffinata semplicità della struttura e dell’ornato ci suggeriscono una datazione ancora precoce forse a cavallo tra i due secoli.

Opere di questa tipologia trovano riscontro in Lombardia; in particolare si vedano alcuni raffinati modelli custoditi nel Museo di Arti Applicate del Castello Sforzesco di Milano. (E. Colle, Museo d’Arti Applicate, mobili e intagli lignei, Milano1996, p. 294 n. 495)

Cover Photo: Fabrizio Stipari

Bibliografia:

E. Colle, Museo d’Arti Applicate, mobili e intagli lignei, Milano1996.

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.